Come affrontare l’ansia per eliminarla

Scritto da il 23 Luglio 2020

Allora cos’è esattamente l’ansia, e come possiamo non solo affrontarla ma anche eliminarla?

In questo articolo vorrei parlare di due tipi di ansia: un termine ampio che userò per descrivere la preoccupazione e la paura inutile. E comunque… un po’ di ansia è normale. Almeno in una certa misura.

Tipo di ansia n. 1: Preoccupazione, Rimuginio e Ruminazione

Il primo tipo è quello di cui soffrono molte, molte persone, ed è la vecchia preoccupazione. La preoccupazione è caratterizzata da “E se…?”, un tipo di pensiero che può passare dalla semplice preoccupazione alla catastrofe…

Naturalmente, quando la vita ci lancia una situazione inaspettata che influisce sulle nostre finanze, sulla nostra o sulla salute di un nostro caro, la preoccupazione comincia ad essere il sentimento più dirompente. È abbastanza naturale avere sentimenti di preoccupazione se non siamo in grado di pagare le nostre bollette, mettere il cibo in tavola, etc. In questi esempi, la preoccupazione può essere in realtà una forte motivazione, una motivazione ad agire!!

Ma è la preoccupazione inutile che deve essere affrontata. Quando la preoccupazione non è in grado di fornire una soluzione, non serve a nulla, e può rovinarci il sonno e devastare la nostra salute. Questo è il tipo di ansia che fa girare la nostra mente in tondo senza soluzione in vista.

Il termine per questo è ruminazione, o pensiero eccessivo. È un fretta apparentemente infinita e un rimaneggiamento delle stesse cose, come se l’eccesso di analisi potesse in qualche modo creare qualcosa di nuovo. Causa cambiamenti nel nostro cervello e nella chimica del sangue, poiché vengono rilasciate sostanze chimiche da stress come l’adrenalina e il cortisolo, che ci fanno sentire ancora peggio.

Le neuroscienze in soccorso per l’ansia e la preoccupazione
La buona notizia è che molte preoccupazioni sono effettivamente curabili, e per capire la soluzione, bisogna prima capire cosa succede nel cervello quando ci si preoccupa senza fine.

Fortunatamente, le neuroscienze ci forniscono una buona spiegazione, ed è una cosa chiamata neuro-plasticità, che è la capacità del cervello di ricablare letteralmente se stesso.

Quando abitualmente eseguiamo uno schema come il nostro programma di ansia personale, iniziamo a formare dei veri e propri percorsi nel nostro cervello. Immaginate questo schema come un sentiero attraverso una foresta. All’inizio il sentiero è debole e difficile da vedere e da percorrere. Tuttavia crescendo, con il tempo e attraverso la ripetizione, il sentiero diventa molto più distinto e molto facile da percorrere.

Lo stesso vale per il nostro cervello. Quando formiamo percorsi neurali, essi diventano più forti con l’uso. Più li usiamo, più si rinforzano e più diventa facile, e cominciamo a usarli automaticamente. Ma come il sentiero nell’esempio della foresta, se smettiamo di usarlo, questo sentiero diventerà troppo grande e alla fine svanirà completamente.

Questo perché il sentiero (o uno schema) deve essere usato per essere mantenuto. Se prendiamo un sentiero diverso, quello vecchio non può rimanere attivo a lungo.

rimuginio

Quindi ecco tutto quello che dovete fare per l’ansia dovuta alla preoccupazione e alla ruminazione:
Non appena vi accorgerete di avere il solito schema di preoccupazione, dovrete immediatamente spegnerlo e sostituirlo con un’idea diversa. Il modo migliore per farlo è alzare la mano e dire letteralmente STOP! Allontanare l’idea da voi come se fosse una cosa fisica. Poi pensare e dire qualcosa di positivo. (Ora, ovviamente, ci sono posti in cui questa risposta non sarebbe appropriata, come in un centro commerciale affollato!)

Ecco un esempio: Se una persona è abitualmente preoccupata e ansiosa quando un membro della famiglia è in ritardo, inizia a manifestarsi uno schema di ansia. Forse un genitore guarda l’orologio e comincia a pensare che sia successo il peggio…

È in ritardo di mezz’ora… Sono sicuro che ha avuto un incidente d’auto o l’avrei già sentita, al telefono non risponde o risulta irraggiungibile… E’ successo qualcosa di brutto…….

Qui lo schema può essere immediatamente interrotto dicendo STOP! e allontanando l’immagine immaginaria restringendola, fino a farla scomparire. Il genitore direbbe poi qualcosa di positivo come:

Questo è ridicolo! È una ragazza grande e sa come stare al sicuro! Presto sarà a casa!

Per quanto semplicistico possa sembrare, la semplice interruzione del vecchio schema inizierà a spezzare il percorso nel cervello. Aggiungendo alcune affermazioni positive e persino immagini, il vecchio percorso si dissolverà rapidamente e completamente. Anche in questo caso si tratta di neuroscienze. È così che funziona il cervello.

Tipo di ansia n. 2: Inconscio, ansia da amigdala

Tutto questo va molto bene, ma c’è anche un secondo tipo di ansia. Mentre il primo tipo si verifica in una parte pensante del cervello chiamata corteccia cerebrale, il secondo tipo si sente peggio perchè risiede in una parte più profonda del cervello stesso, nell’amigdala.

Questa amigdala governa qualcosa di cui potreste aver sentito parlare ed è legata alle situazioni di sopravvivenza: La risposta di lotta, di fuga o di congelamento. Quando il pericolo diventa improvviso o grave, come essere in un terremoto o attaccato da un animale selvatico, o si corre, si combatte fino alla morte, o semplicemente si rimane paralizzati dalla paura e si spera che sparisca.

La risposta dell’amigdala è ottima in situazioni di vita o di morte, ma non così utile per i normali stress della vita. E si capisce quando è l’amigdala ad essere coinvolta, perché causerà una forte paura che si può sentire nel proprio corpo. La risposta dell’amigdala va ben oltre la ruminazione, e può portare alla paura peggiore di tutte: L’attacco di panico.

Quando si verifica questo tipo di paura del corpo e non c’è un pericolo reale, la cosa migliore da fare è spegnere il più presto possibile, permettendo alla risposta di dissiparsi. Sorprendentemente, se si agisce subito, questo non è troppo difficile da realizzare. Il segreto è affidarsi al nostro compagno di sempre, quello presente da quando abbiamo gettato il nostro primo grido al mondo: il respiro. Questo è noto agli atleti ed amanti di arti marziali ed ai praticanti di yoga da migliaia di anni. Quando cambiamo il nostro respiro, cambia anche tutto nella nostra risposta fisica.

Ecco come si fa:

Inspira per un conteggio di sette ed espira per un conteggio di undici. Concentratevi sulla vostra respirazione, rimanete rilassati e continuate finché non vi calmate. Questo tipo di respirazione invierà un segnale al tuo cervello, dicendogli che tutto va bene, e presto ti sentirai meglio!

Quindi, per prima cosa determinate che tipo di preoccupazione o di paura state provando. Poi applicate il rimedio appropriato e ricordatevi di farlo subito.

Agire immediatamente ha l’effetto più potente!!!!!.

Ti aiuta a prendere il controllo prima che la preoccupazione o la paura diventi troppo grande e difficile da gestire. È molto più facile distruggere un brutto mostro prima che diventi troppo grande!

Quando inizierete ad applicare questi metodi, i risultati probabilmente vi sorprenderanno, dato che prenderete rapidamente il controllo dei vostri pensieri e delle vostre paure ansiose.

N.b. Se l’articolo ti è piaciuto o pensi che queste informazioni possano essere di aiuto a qualcuno, metti un mi piace sul post e condividilo. Grazie..


Tagged as ,